Un CAS dedicato a chi desidera intraprendere una carriera nel commodity trading

Il commodity trading, il commercio di materie prime, rappresenta un settore fondamentale per l’economia svizzera e quella ticinese. Le aziende sono sempre alla ricerca di nuovi talenti offrendo prospettive e opportunità professionali interessanti. In collaborazione l’Università di Lucerna e la Zug Commodity Trading Association, la Lugano Commodity Trading Association (LCTA) propone un certificato in studi avanzati (Certificate of Advanced Studies CAS) per tutte le persone interessate ad entrare a far parte di questo interessante settore.

Il programma prevede 6 moduli, suddivisi tra Zugo e Lugano, durante i quali vengono affrontate le principali tematiche che toccano la professione: dalle basi sulle commodities e le dinamiche geopolitiche, al trade finance, agli aspetti legali e contrattuali fino al trasporto e alla spedizione. Un programma completo, che corrisponde a 15 ECTS, della durata di 6 mesi e suddiviso in tre giorni al mese di corsi.

Per maggiori informazioni concernenti il CAS Commodity Professional, che prenderà avvio nel mese di maggio (termine delle iscrizioni: 23 marzo), vi invitiamo a contattare la LCTA (info@lcta.ch) o a consultare il suo sito internet (http://www.lcta.ch/cas-commodity-professional/).

Il settore del commodity trading:
questo sconosciuto

Due minuti e dieci secondi (in italiano, tedesco, francese e inglese) per presentare il mestiere del commerciante di materie prime. Con un breve video, la STSA (l’associazione nazionale delle aziende di commodity trading) desidera raggiungere un pubblico più giovane e suscitare interesse per un settore dell’economia elvetica estremamente dinamico. Il settore delle materie prime impiega attualmente più di 30’000 persone in Svizzera e rappresenta quasi il 4% dell’economia nazionale. Malgrado la sua importanza rimane però sconosciuto al grande pubblico.

I traders hanno un ruolo fondamentale nelle nostre vite quotidiane. Che si tratti del nostro caffè, del cacao consumato dai più giovani, dal cotone di cui sono fatti i nostri vestiti, o dell’energia che ci dà calore o elettricità, niente di tutto ciò sarebbe possibile senza il lavoro dei commercianti in materie prime.

Molto più che dei semplici esperti in logistica, i traders costituiscono un anello essenziale della catena d’approvvigionamento. Analisi dei mercati, gestione dei rischi, finanziamenti, investimenti nelle infrastrutture, stoccaggio, certificazioni: alcune delle tante attività che ingloba la professione del trader. Il film di animazione: «Il commodity trading: una professione da scoprire» (disponibile in italiano, tedesco, francese e inglese) sul canale Youtube della STSA, la Swiss Trading and Shipping Association.

Oltre 200 i partecipanti a quello che ormai è divenuto l’appuntamento annuale di richiamo per il commodity trading a Lugano. La terza edizione della Commodity Trade Finance Conference, organizzata dalla Lugano Commodity Trading Association (LCTA) in collaborazione con il gruppo londinese GTR Exporta Group, ha riscosso un ottimo successo tra i professionisti del commercio di materie prime.

La conferenza, sponsorizzata da diverse istituzioni internazionali e regionali nonché sostenuta da vari attori dell’industria, come la Swiss Trading & Shipping Association, la Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del Cantone Ticino e l’International Trade Council, ha accolto la partecipazione delle principali compagnie di trading sulla piazza luganese, come Duferco, Coeclerici, Petraco Services e Telf AG.

L’evento, che si è svolto al Palazzo dei Congressi di Lugano il 25 ottobre, ha avuto un chairman d’eccezione che ha moderato l’intensa giornata di discussioni. Luca Albertoni, direttore della Cc-Ti e presidente delle Camere di commercio svizzere, ha presentato i diversi “panel” focalizzati su tematiche specifiche come ad esempio le nuove priorità per le aziende attive nel settore, il ruolo delle banche e le normative sempre più restrittive nel trade finance o la situazione attuale per le operazioni con l’Iran. Il mix di partecipanti e degli argomenti trattati hanno fornito un’idea precisa sulle sensibilità attuali nel commodity trade finance.

L’annuale appuntamento della LCTA è stato naturalmente anche un momento privilegiato di networking tra traders, banche e altre istituzioni attive a livello mondiale. È proprio grazie a questi momenti di incontro che nascono relazioni importanti per promuovere la piazza luganese e il business del commodity trading. Ricordiamo che in Ticino sono presenti un centinaio di aziende di cui la metà associata alla LCTA. Il mercato delle materie prime ruota attorno a diverse necessità di servizi, primo su tutti quello bancario che deve fornire solide basi per finanziare le transazioni. È quindi fondamentale poter promuovere il networking tra i diversi attori e la LCTA assume un ruolo importante di fulcro per i contatti. “Il settore del commodity trading a Lugano è in piena espansione e sono molte le aziende che hanno scelto il nostro Cantone per focalizzare il centro delle loro attività” – ha dichiarato Marco Passalia, General Secretary della LCTA. “Il ruolo della nostra associazione è fondamentale per mettere in rete i differenti attori e promuovere la piazza di Lugano. Il successo di questa conferenza sottolinea ancora una volta la dinamicità e l’importanza del commodity trading a Lugano”.

La Lugano Commodity Trading Association (LCTA) continua attivamente il suo lavoro di promozione della piazza luganese all’estero e dal 2 al 4 ottobre è stata in visita a Mosca con la missione organizzata dalla Camera di commercio, dell’industria dell’artigianato e dei servizi del Canton Ticino (Cc-Ti). In questa occasione la LCTA ha avuto modo di organizzare, in collaborazione con l’Ambasciata svizzera, un’interessante presentazione dal tema “Navigating the commodity trends – a Swiss perspective”. L’evento, arrivato alla sua terza edizione, si è tenuto martedì 4 ottobre presso la Residenza dell’Ambasciatore svizzero, e ha riunito attori attivi nel settore del commodity trading (banche, traders, rappresentanti della logistica) presenti a Mosca.

Nella foto un momento della tavola rotonda moderata dal General Secretary della LCTA, Marco Passalia

Durante l’incontro è stato analizzato l’andamento del mercato del commodity trading, le difficoltà e le sfide di questo settore per il futuro. Dopo un saluto di Yves Morath, capo dello Swiss Business Hub di Mosca, la parola è passata ad Andrea Perini (Head of mining, Coeclerici), il quale si è concentrato sulla maniera svizzera di fare business nel settore delle commodities. In particolar modo ha messo l’accento sulle attività aziendali di Coeclerici in Russia, sul modo di relazionarsi con i partner di questo Paese e sull’indotto portato in questo Paese. Si è svolta in seguito, con un approccio molto pragmatico, la tavola rotonda in cui si sono espressi: Leonardo Monopoli (CFS Commodity Finance Solutions), Davide Bignasca (Head of the Commodity Trade Finance Department, Banca Stato) e Marco Compagnino (Associate Partner & Head CIS Area, Fidinam & Partners SA), magistralmente moderati da Marco Passalia (General Secretary, LCTA). Durante la tavola rotonda è inoltre stato interpellato anche Andrea Perini per aver un punto di vista altrettanto pratico e diretto di una trading company. La discussione ha toccato diverse tematiche, tra cui il contesto attuale del mondo del commodity trading, le problematiche scaturite dall’abbassamento dei prezzi delle materie prime (e come affrontarle) e le previsioni per il futuro di questo mercato.

Il pubblico russo, una quarantina le persone presenti, ha molto apprezzato l’evento e i contatti sono stati molto proficui.

Grazie anche alle diverse missioni organizzate negli anni passati in collaborazione con la Cc-Ti, il nostro Cantone ha fondato solide basi per le aziende ticinesi che intendono aprirsi al mercato russo. Parallelamente, questo genere di contatti ha potuto portare anche all’insediamento di commodity traders russi sulla piazza luganese che va sempre più affermandosi come polo di riferimento per il commercio internazionale di materie prime. La LCTA continuerà anche in futuro a creare queste ottime occasioni di approfondimenti tematici e di networking, sia all’estero sia in Ticino.

Grande successo per la tavola rotonda organizzata a Kiev dalla Lugano Commodity Trading Association (LCTA) in collaborazione con la città di Lugano e l’ambasciata svizzera. Un folto pubblico composto da professionisti delle commodities e da studi legali importanti ha animato la conferenza.
Dopo il saluto ufficiale da parte dell’ambasciata svizzera attraverso il sig. Christoph Späti, Deputy Head of Mission, che ha anche saputo illustrare al meglio le peculiarità elvetiche, ha preso la parola Pietro Poretti, Responsabile della Divisione Sviluppo Economico della Città di Lugano. Poretti ha esposto chiaramente le principali caratteristiche di Lugano quale business location ma allo stesso tempo ha spiegato l’importante sviluppo della piazza luganese di trading di materie prime.
“The Swiss of doing business” era il titolo dell’interessante e brillante intervento di Valeryia Leshchenko, Managing Director di UMP Trading SA. Una testimonianza chiara e utile di come un’importante azienda ucraina può operare a livello internazionale basando le operazioni di trading in Ticino e beneficiando di tutti i vantaggi della nostra piattaforma. Valeryia Leshchenko è intervenuta anche nella tavola rotonda riportando le sue impressioni sull’andamento dell’industria pesante.
In seguito Marco Passalia, nella veste di General Secretary di LCTA ma anche nell’apprezzato ruolo di deputato cantonale, non solo ha saputo moderare con arguzia la discussione attorno al tema del prezzo delle materie prime, ma ha anche potuto rispondere in prima persona ad alcune domande formulate dai partecipanti. Matija Barudzija, fondatore di Enet Energy SA, con grande esperienza ha in seguito riassunto le principali difficoltà del settore energetico nonché l’attuale andamento. Importante anche la sua testimonianza di azienda estera insediatasi a Lugano alcuni anni fa.

La tavola rotonda è proseguita con l’intervento di Marco Compagnino, avvocato ed esperto fiscalista presso Fidinam & Partners, che ha riportato in maniera molto concreta le esperienze-tipo di diversi clienti e che con grande estro ha risposto alle numerose sollecitazioni dei partecipanti su temi fiscali molto puntuali: accordo di doppia imposizione Svizzera-Ucraina, transfer price, riforma 3 delle imprese, ecc. Infine, Rade Montenegro, CEO di KTG SA, ha messo l’accento sugli effetti negativi dell’andamento del prezzo delle materie prime sugli investimenti in assets energetici. Inoltre, ha fornito il suo contributo pratico per spiegare i benefici concreti nell’operare dalla piazza di trading luganese.

L’esperienza ucraina della LCTA ha dato ottimi risultati allargando ancor più la cerchia di contatti dell’associazione e promuovendo la piazza luganese come hub centrale per le aziende che commerciano in materie prime. Ad ottobre le attività della LCTA proseguiranno in Russia, in particolare a Mosca, nell’ambito della missione commerciale della Cc-Ti.

Dal 15 al 20 maggio 2016 si è tenuta ad Almaty e Astana, in Kazakistan, la missione congiunta della Camera di commercio e dell’industria del Canton Ticino (Cc-Ti), della Città di Lugano, della Lugano Commodity Trading Association, di Lugano Turismo e di Svizzera Turismo. Il viaggio è stato organizzato in stretta collaborazione con l’Ambasciata di Svizzera in Kazakistan e con Switzerland Global Enterprise. Il denso programma prevedeva incontri con istituzioni, aziende ed enti locali, una serie di seminari sul turismo e sul trading di materie prime, volti a promuovere Lugano e il Ticino. Alla missione hanno aderito anche diversi imprenditori ticinesi e istituti bancari interessati a sviluppare dei contatti in questa nazione. Per ogni azienda, inoltre, sono stati organizzati degli incontri B2B con potenziali partner kazaki, minuziosamente selezionati dal Trade Point di Switzerland Global Enterprise in Kazakistan.

Nella foto la delegazione completa.

Durante la visita, la Città di Lugano ha siglato un importante accordo di collaborazione con la Città di Almaty nel campo dell’economia, della cultura e del turismo. Questo accordo mira a promuovere ed estendere uno scambio di informazioni nei settori prioritari per entrambe le città e contribuirà senza dubbio a sviluppare le relazioni tra Lugano, il Ticino, Almaty e tutto il Kazakistan.

Questa nazione, schiacciata tra l’Orso (la Federazione Russa) e il Dragone (la Cina), è un Paese alla costante ricerca di identità e indipendenza che dimostra grande dinamismo e modernizzazione.

È un mercato emergente dalle grandi potenzialità e molto interessante per le aziende svizzere e ticinesi, soprattutto nei settori legati al trading di materie prime, delle energie rinnovabili, delle telecomunicazioni, della costruzione (per esempio opere pubbliche, edifici a basso consumo energetico,…), dei trasporti e nel settore farmaceutico. La sua stabilità politica, l’adesione all’Unione doganale eurasiatica e all’Organizzazione mondiale del commercio, fanno del Kazakistan un Paese attrattivo anche per le nostre aziende. Inoltre, da sottolineare che nel 2017 Astana ospiterà l’esposizione universale dal tema “Future Energy”, un’ulteriore occasione per le imprese svizzere di partecipare a questo mercato.

Il commodity trading ticinese in Kazakistan

La LCTA ha voluto dare un segnale di presenza promuovendo anche in questa occasione la piazza luganese all’estero. Grazie anche alle diverse missioni organizzate negli anni passati in collaborazione con la Cc-Ti, il nostro Cantone ha fondato solide basi per le aziende ticinesi che intendono aprirsi ad altri mercati. La piazza luganese va sempre più affermandosi all’estero come polo di riferimento per il commercio internazionale di materie prime.

La LCTA ha colto l’occasione della sua partecipazione alla missione della Cc-Ti in Kazakistan per organizzare, in collaborazione con l’Ambasciata svizzera ad Astana, due importanti eventi. Il 16 maggio si è tenuto ad Almaty un seminario sul finanziamento del trading di materie prime, seguito il 19 maggio da un seminario ad Astana un seminario sulla questione del calo dei costi delle materie prime e sui mezzi con cui le aziende attive in nel settore affrontano questa problematica. Dopo un’introduzione da parte di Alberto Lotti, Vice-Presidente di Axion Swiss Bank, già molto attiva sul mercato kazako, si è svolta, con un approccio molto pragmatico, la tavola rotonda in cui il moderatore, Marco Passalia, Vice-Direttore della Cc-Ti e Segretario Generale della LCTA, ha portato i relatori ad esprimersi sulla dinamica delle relazioni tra aziende e banche, sui rischi e sulle raccomandazioni per le aziende attive nel trading di materie prime. Un importante accento è stato messo sui punti di forza dell’hub ticinese. Marco Compagnino,partner associato della Fidinam & Partners SA, ha inoltre illustrato le difficoltà della situazione attuale per la creazione di nuove aziende. In seguito, Davide Bignasca,Head of the Commodity Trade Finance Department, Banca Stato, ha sottolineato l’importanza di chiarezza e trasparenza da parte delle aziende nei contatti con le banche (considerando le sempre più severe richieste delle banche in termini di compliance). Infine, Andrea Cavallo, Presidente della Siderfer SA, ha portato la sua esperienza personale come azienda attiva nel trading di acciaio. Il pubblico kazako, una trentina le persone presenti sia ad Almaty che ad Astana, tra cui traders e rappresentanti del settore bancario locale, ha molto apprezzato gli interventi e i contatti sono stati molto proficui.

La LCTA continuerà anche in futuro a creare queste ottime occasioni di approfondimenti tematici e di networking, sia all’estero sia in Ticino. Maggiori informazioni sono disponibili online sul sito internet della Lugano Commodity Trading Association: www.lcta.ch

Marco Passalia, General Secretary e
Chiara Crivelli, Advisor Russia & CIS durante la conferenza “Russia & CIS Trade & Export Finance Conference” a Mosca

Dal 13 al 15 aprile la Lugano Commodity Trading Association (LCTA), associazione che raggruppa una cinquantina di aziende attive in Ticino nel settore delle materie prime, è stata in visita a Mosca per partecipare alla conferenza “Russia & CIS Trade & Export Finance Conference”, organizzata dal gruppo britannico “Global Trade Review”, tenutasi giovedì 14 aprile. Si è trattata della nona edizione di questo importante evento che raccoglie i maggiori attori del commodity trading e dell’export finance a Mosca. Con i continui cambiamenti in merito alle sanzioni sul piano internazionale, sono state sollevate numerose domande inerenti il commercio tra la Federazione russa, l’Unione Europea ma anche con l’Asia e altri Paesi del mondo. La conferenza, organizzata all’hotel Kempiski, è inoltre una piattaforma ideale per creare una vasta rete di contatti, per dibattere su diverse questioni inerenti il commercio di materie prime nonché un’interessante occasione per conoscere dirigenti di aziende attive a livello internazionale.

La LCTA, con la sua promozione della piazza luganese all’estero, ha quindi voluto dare un segnale di presenza co-sponsorizzando l’evento e portando un po’ di Lugano anche a Mosca. Grazie anche alle diverse missioni organizzate negli anni passati in collaborazione con la Cc-Ti, il nostro Cantone ha fondato solide basi per le aziende ticinesi che intendono aprirsi al mercato russo. Parallelamente, questo genere di contatti ha potuto portare anche all’insediamento di commodity traders russi sulla piazza luganese che va sempre più affermandosi come polo di riferimento per il commercio internazionale di materie prime.

Durante la sua presenza in Russia, la LCTA ha inoltre organizzato, in collaborazione con l’Ambasciata svizzera a Mosca, una tavola rotonda sulla questione del calo dei costi delle materie prime e sui mezzi con cui le aziende attive in nel settore affrontano questa problematica. L’evento ha avuto luogo presso la Residenza dell’Ambasciatore svizzero, venerdì 15 aprile. Dopo un’introduzione generale di Julien Thöni, Direttore del dipartimento economico dell’Ambasciata svizzera, sulle relazioni commerciali tra Svizzera e Russia e in particolare sulla posizione svizzera nel contesto delle sanzioni, si è svolta, con un approccio molto pragmatico, la tavola rotonda in cui si sono espressi: un trader di una compagnia basata in Ticino e attiva nel commercio di gas a livello internazionale, un rappresentante del settore bancario svizzero e un fiscalista. Per la LCTA erano presenti Marco Passalia (General Secretary) e Chiara Crivelli (Advisor Russia and CIS countries).

Il pubblico russo, una trentina le persone presenti, tra cui traders e rappresentanti del settore bancario russo, ha molto apprezzato la tavola rotonda e i contatti sono stati molto proficui.

La LCTA continuerà anche in futuro a creare queste ottime occasioni di approfondimenti tematici e di networking, sia all’estero sia in Ticino.

Sono 17 i laureati della seconda edizione del CAS Commodity Professional, una formazione organizzata dalla Lugano Commodity Trading Association (LCTA), in collaborazione con la Zug Commodity Association (ZCA) e la Hochschule di Lucerna. Le lezioni si sono tenute in modo alternato a Lugano e a Zugo e hanno potuto fornire agli studenti una visione globale del settore delle materie prime e degli strumenti necessari per lavorare in questo ambito. Alla cerimonia, che ha avuto luogo presso la sala del Consiglio comunale di Lugano, sono intervenuti il presidente della LCTA Thomas Patrick, il presidente della ZCA Martin Fasser, il segretario della LCTA Marco Passalia e il segretario della ZCA Martin Spillmann. Marco Ferriroli, Lukas Haas e Roberto Nuschak si sono distinti come i tre studenti con il miglior risultato conseguito. Nella foto allegata i 17 laureati nella sala del Consiglio comunale.

Round Table on Commodity Trade Finance a Mosca il 21.05.2015

La stretta collaborazione tra la Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del Cantone Ticino (Cc-Ti) e la Lugano Commodity Trading Association (LCTA) si è rilevata ancora una volta premiante per la piazza economica ticinese. Infatti, durante le giornate promosse dalla Cc-Ti in Russia, il settore del commercio di materie prime ha potuto ritagliarsi uno spazio importante e di qualità organizzando una tavola rotonda che ha posto l’accento su due punte di diamante del sistema economico elvetico, ovvero il commercio internazionale e il finanziamento di queste attività. Un punto di incontro tra aziende attive in particolare nel commercio di materie prime e istituti finanziari competenti in materia di finanziamento di questa tipologia di attività e transazioni. L’ambasciata svizzera a Mosca si mostrata molto attiva e aperta a discutere con franchezza e precisione i temi relativi alle sanzioni internazionali, ma anche all’importanza del settore delle materie prime tanto per la Russia quanto per la Svizzera.

Con un approccio molto pragmatico e focalizzato sul modello svizzero, il moderatore della tavola rotonda – Marco Passalia, General Secretary, LCTA – ha condotto i vari relatori a spiegare come funziona la dinamica tra aziende e banche mettendo l’accento a più riprese sui punti di forza del trading hub ticinese. Leonardo Monopoli, fondatore di CFS Commodity Finance Solutions, ha illustrato le complessità attuali del sistema finanziario entrando poi nei dettagli dei vari approcci al finanziamento nel Commodity Trade Finance. Davide Bignasca, Head of Commodity Trade Finance, Banca Stato, ha invece sottolineato che da parte dell’azienda sia certamente importante mostrare grande trasparenza e chiarezza nel contatto con la banca (anche considerando le numerose richieste in termini di compliance, ecc.), ma proprio questi elementi divengono un punto di forza per trovare delle soluzioni su misura a dipendenza della tipologia di business. Infine, Matjia Barudzjia (Trading and origination, Enet Energy SA) ha portato la sua esperienza concreta e di successo in seno ad un’azienda attiva nel trading di gas a livello internazionale; una realtà avviata nel 2012 che si è trovata confrontata con numerosi ostacoli da superare tra cui anche gli aspetti di finanziamento delle proprie attività.

La tavola rotonda è stata molto apprezzata dal pubblico russo soprattutto per l’approccio pragmatico e per il modo semplice, competente e reale di trovare le soluzioni per il buon funzionamento di un settore già di per sé complesso.

Nella foto da sinistra:
Matjia Barudzija, Trading and origination, Enet Energy SA;
Leonardo Monopoli, Fondatore di CFS Commodity Finance Solutions;
Marco Passalia, Cc-Ti
Davide Bignasca, Head of Commodity Trade Finance Banca Stato

Si è tenuta nell’accogliente cornice della sala del Consiglio comunale di Lugano la cerimonia per i 25 laureati della prima edizione del CAS Commodity Professional, una formazione organizzata dalla Lugano Commodity Trading Association (LCTA), in collaborazione con la Zug Commodity Association (ZCA) e la Hochschule di Lucerna. Le lezioni si sono tenute in modo alternato a Lugano e a Zugo e hanno potuto fornire agli studenti una visione globale del settore delle materie prime e degli strumenti necessari per lavorare in questo ambito. Alla cerimonia sono intervenuti il presidente della LCTA Thomas Patrick, il presidente della ZCA Martin Fasser, il segretario della LCTA Marco Passalia e il segretario della ZCA Martin Spillmann. Gaetano Marseglia e David Corral Aragòn si sono distinti come i due studenti con il miglior risultato conseguito.