Marco Passalia, General Secretary e
Chiara Crivelli, Advisor Russia & CIS durante la conferenza “Russia & CIS Trade & Export Finance Conference” a Mosca

Dal 13 al 15 aprile la Lugano Commodity Trading Association (LCTA), associazione che raggruppa una cinquantina di aziende attive in Ticino nel settore delle materie prime, è stata in visita a Mosca per partecipare alla conferenza “Russia & CIS Trade & Export Finance Conference”, organizzata dal gruppo britannico “Global Trade Review”, tenutasi giovedì 14 aprile. Si è trattata della nona edizione di questo importante evento che raccoglie i maggiori attori del commodity trading e dell’export finance a Mosca. Con i continui cambiamenti in merito alle sanzioni sul piano internazionale, sono state sollevate numerose domande inerenti il commercio tra la Federazione russa, l’Unione Europea ma anche con l’Asia e altri Paesi del mondo. La conferenza, organizzata all’hotel Kempiski, è inoltre una piattaforma ideale per creare una vasta rete di contatti, per dibattere su diverse questioni inerenti il commercio di materie prime nonché un’interessante occasione per conoscere dirigenti di aziende attive a livello internazionale.

La LCTA, con la sua promozione della piazza luganese all’estero, ha quindi voluto dare un segnale di presenza co-sponsorizzando l’evento e portando un po’ di Lugano anche a Mosca. Grazie anche alle diverse missioni organizzate negli anni passati in collaborazione con la Cc-Ti, il nostro Cantone ha fondato solide basi per le aziende ticinesi che intendono aprirsi al mercato russo. Parallelamente, questo genere di contatti ha potuto portare anche all’insediamento di commodity traders russi sulla piazza luganese che va sempre più affermandosi come polo di riferimento per il commercio internazionale di materie prime.

Durante la sua presenza in Russia, la LCTA ha inoltre organizzato, in collaborazione con l’Ambasciata svizzera a Mosca, una tavola rotonda sulla questione del calo dei costi delle materie prime e sui mezzi con cui le aziende attive in nel settore affrontano questa problematica. L’evento ha avuto luogo presso la Residenza dell’Ambasciatore svizzero, venerdì 15 aprile. Dopo un’introduzione generale di Julien Thöni, Direttore del dipartimento economico dell’Ambasciata svizzera, sulle relazioni commerciali tra Svizzera e Russia e in particolare sulla posizione svizzera nel contesto delle sanzioni, si è svolta, con un approccio molto pragmatico, la tavola rotonda in cui si sono espressi: un trader di una compagnia basata in Ticino e attiva nel commercio di gas a livello internazionale, un rappresentante del settore bancario svizzero e un fiscalista. Per la LCTA erano presenti Marco Passalia (General Secretary) e Chiara Crivelli (Advisor Russia and CIS countries).

Il pubblico russo, una trentina le persone presenti, tra cui traders e rappresentanti del settore bancario russo, ha molto apprezzato la tavola rotonda e i contatti sono stati molto proficui.

La LCTA continuerà anche in futuro a creare queste ottime occasioni di approfondimenti tematici e di networking, sia all’estero sia in Ticino.

Sono 17 i laureati della seconda edizione del CAS Commodity Professional, una formazione organizzata dalla Lugano Commodity Trading Association (LCTA), in collaborazione con la Zug Commodity Association (ZCA) e la Hochschule di Lucerna. Le lezioni si sono tenute in modo alternato a Lugano e a Zugo e hanno potuto fornire agli studenti una visione globale del settore delle materie prime e degli strumenti necessari per lavorare in questo ambito. Alla cerimonia, che ha avuto luogo presso la sala del Consiglio comunale di Lugano, sono intervenuti il presidente della LCTA Thomas Patrick, il presidente della ZCA Martin Fasser, il segretario della LCTA Marco Passalia e il segretario della ZCA Martin Spillmann. Marco Ferriroli, Lukas Haas e Roberto Nuschak si sono distinti come i tre studenti con il miglior risultato conseguito. Nella foto allegata i 17 laureati nella sala del Consiglio comunale.

Round Table on Commodity Trade Finance a Mosca il 21.05.2015

La stretta collaborazione tra la Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del Cantone Ticino (Cc-Ti) e la Lugano Commodity Trading Association (LCTA) si è rilevata ancora una volta premiante per la piazza economica ticinese. Infatti, durante le giornate promosse dalla Cc-Ti in Russia, il settore del commercio di materie prime ha potuto ritagliarsi uno spazio importante e di qualità organizzando una tavola rotonda che ha posto l’accento su due punte di diamante del sistema economico elvetico, ovvero il commercio internazionale e il finanziamento di queste attività. Un punto di incontro tra aziende attive in particolare nel commercio di materie prime e istituti finanziari competenti in materia di finanziamento di questa tipologia di attività e transazioni. L’ambasciata svizzera a Mosca si mostrata molto attiva e aperta a discutere con franchezza e precisione i temi relativi alle sanzioni internazionali, ma anche all’importanza del settore delle materie prime tanto per la Russia quanto per la Svizzera.

Con un approccio molto pragmatico e focalizzato sul modello svizzero, il moderatore della tavola rotonda – Marco Passalia, General Secretary, LCTA – ha condotto i vari relatori a spiegare come funziona la dinamica tra aziende e banche mettendo l’accento a più riprese sui punti di forza del trading hub ticinese. Leonardo Monopoli, fondatore di CFS Commodity Finance Solutions, ha illustrato le complessità attuali del sistema finanziario entrando poi nei dettagli dei vari approcci al finanziamento nel Commodity Trade Finance. Davide Bignasca, Head of Commodity Trade Finance, Banca Stato, ha invece sottolineato che da parte dell’azienda sia certamente importante mostrare grande trasparenza e chiarezza nel contatto con la banca (anche considerando le numerose richieste in termini di compliance, ecc.), ma proprio questi elementi divengono un punto di forza per trovare delle soluzioni su misura a dipendenza della tipologia di business. Infine, Matjia Barudzjia (Trading and origination, Enet Energy SA) ha portato la sua esperienza concreta e di successo in seno ad un’azienda attiva nel trading di gas a livello internazionale; una realtà avviata nel 2012 che si è trovata confrontata con numerosi ostacoli da superare tra cui anche gli aspetti di finanziamento delle proprie attività.

La tavola rotonda è stata molto apprezzata dal pubblico russo soprattutto per l’approccio pragmatico e per il modo semplice, competente e reale di trovare le soluzioni per il buon funzionamento di un settore già di per sé complesso.

Nella foto da sinistra:
Matjia Barudzija, Trading and origination, Enet Energy SA;
Leonardo Monopoli, Fondatore di CFS Commodity Finance Solutions;
Marco Passalia, Cc-Ti
Davide Bignasca, Head of Commodity Trade Finance Banca Stato

Si è tenuta nell’accogliente cornice della sala del Consiglio comunale di Lugano la cerimonia per i 25 laureati della prima edizione del CAS Commodity Professional, una formazione organizzata dalla Lugano Commodity Trading Association (LCTA), in collaborazione con la Zug Commodity Association (ZCA) e la Hochschule di Lucerna. Le lezioni si sono tenute in modo alternato a Lugano e a Zugo e hanno potuto fornire agli studenti una visione globale del settore delle materie prime e degli strumenti necessari per lavorare in questo ambito. Alla cerimonia sono intervenuti il presidente della LCTA Thomas Patrick, il presidente della ZCA Martin Fasser, il segretario della LCTA Marco Passalia e il segretario della ZCA Martin Spillmann. Gaetano Marseglia e David Corral Aragòn si sono distinti come i due studenti con il miglior risultato conseguito.